De Gea – Navas: il caso Soriano si ripete con Real Madrid – Manchester United

de gea navasSe il colpo last minute del Napoli, l’acquisto di Soriano dalla Sampdoria, è sfumato nei minuti finali per colpa di un contratto da modificare per i diritti d’immagine da inserire nelle clausole, lo scambio di portieri fra Real Madrid e Manchester United nelle figure di Keylor Navas e De Gea è saltato per colpa dell’invio in ritardo della documentazione da parte del club madrileno alla federazione iberica a mezzanotte e mezzo, trenta minuti oltre il termine previsto delle 00.00.

E subito in rete si è scatenata l’ironia dei milioni di tifosi pro o contro Real Madrid, che hanno invaso il mondo di Internet con alcuni memes divertenti.

148976

148978

alonso

 

La Top Ten dei trasferimenti Under21 più costosi

sterling

giocatore importo acquirente venditore anno
1 Raheem Sterling 70,0 Manchester City Liverpool 2015
2 Lucas Moura 40,0 PSG San Paolo 2012
3 Luke Shaw 37,5 Manchester United Southampton 2014
4 Wayne Rooney 37,0 Manchester United Everton 2004
5 Javier Saviola 36,0 Barcellona River Plate 2001
6 Nicolas Anelka 35,0 Real Madrid Arsenal 1999
7 Marquinhos 31,5 PSG Roma 2013
8 Anderson 31,5 Manchester United Porto 2007
9 Denilson 30,5 Betis Siviglia San Paolo 1997
10 Mario Balotelli 29,5 Manchester City Inter 2010

In tema di calciomercato il trasferimento più caro a livello di calciatori Under 21 è appartiene al Manchester United, che nella corrente sessione di mercato ha acquistato dal Liverpool il nazionale inglese Raheem Sterling per la ragguardevole cifra di 70 milioni di euro!

Ben distante, a soli 40 milioni, si posiziona il brasiliano Lucas Moura che nel gennaio 2012 varco l’Oceano Atlantico, lasciando il San Paolo per i francesi del PSG, quando il fair play finanziario era ancora molto virtuale. Nella Top Ten della storia del calcio, sono ben 5 i giocatori che sono stati arrivati a Manchester: il derby cittadino viene vinto dallo United, con 3 acquisti contro 2 del City.

Sono due i clubs italiani che si sono rese protagoniste di cessione record: La Roma, quando cedette il brasiliano Marquinhos al PSG e l’Inter, quando nel mercato post – Triplete cedette Balotelli al Manchester City, realizzando un plusvalenza monstre.

I 5 flop della Serie A 2014-2015 attesi al riscatto

cerci

La nuova stagione è ormai alle porte, manca poco più di un mese all’inizio del campionato e come ogni anno le aspettative sono tante. La scorsa annata è stata strepitosa per alcune squadre e disastrosa per altre. Sono molti i calciatori che non hanno convinto e che con l’inizio del nuovo anno sono in cerca di riscatto per far ricredere le società e i tifosi, 5 in particolare devono assolutamente riscattarsi da un’annata pessima:

1)Mario Gomez: Acclamatissimo al suo arrivo in Italia due anni fa, è stato sull’orlo del baratro la scorsa stagione a causa di due infortuni gravi che ne hanno pregiudicato le prestazioni e lo hanno bloccato dal punto di vista fisico e mentale; i pochissimi gol segnati con la maglia viola ne sono la dimostrazione (appena 14 in 47 presenze di cui solamente 7 in campionato). Con l’arrivo di Paulo Sousa il suo unico obiettivo è quello di sbloccarsi per far sognare società e tifosi e per avere un futuro a Firenze.

2)Nemanja Vidic: Dopo l’ottima partenza nella fase precampionato 2014/2015, il talentuoso difensore serbo ha deluso le aspettative di molti tifosi. Con Mazzarri non si è dimostrato all’altezza dopo essere stato schierato nella difesa a 3 a lui non congeniale, ma ha deluso anche con l’avvento di Mancini dando l’impressione di non essere più quel difensore che al Manchester United si rendeva protagonista di interventi eleganti e di goals che facevano di lui un centrale di difesa unico nel suo genere. È obbligato a far ricredere i tifosi dell’inter e a tornare a giocare come ai tempi della Premier League.

3)Alessio Cerci: Solamente un anno fa lasciava l’Italia per poter giocare in Spagna all’Atletico Madrid, vedendo il proprio sogno realizzato. La sua esperienza nella capitale spagnola si è conclusa anzitempo e il Milan ha deciso di prenderlo in prestito per 18 mesi, ma i primi sei non sono stati all’altezza. Deve ricominciare da capo, dimenticando la brutta esperienza a Madrid conclusa con un solo gol e cercare di tornare ad essere la spina nel fianco di tutte le difese d’Italia con la sua velocità, il suo tiro e i suoi dribbling.

4)Juan Manuel Iturbe: Acquistato nel 2014 dalla Roma per la cifra di 22,5 milioni di euro, il talento argentino ha deluso moltissimo le aspettative, impacciato, lento nei movimenti e inesistente in attacco, deve dimostrare che la scorsa stagione è stata solo un incidente di percorso. Con soli due gol all’attivo in maglia giallorossa deve far ricredere la società che ha investito molto in lui e che lo ha inserito al centro del progetto, tutti i tifosi della Roma sperano in una sua rinascita, staremo a vedere.

5)German Denis: El Tanque quest’anno è stato per lunghi tratti un oggetto misterioso in campo. Pochissimi gol, Rigori sbagliati e poca grinta lo hanno fatto apparire come il fantasma di sé stesso; la sua squalifica di 5 giornate ricevuta a causa di un pugno Tonelli dimostra la sua poca tranquillità che in campo si è notata molto e che ha contribuito alla grande sofferenza della squadra bergamasca che si è salvata solamente nelle ultime giornate. Con l’inizio del campionato deve ricominciare a carburare e a segnare come sempre nell’Atalanta, perché un anno negativo può capitare anche ai migliori e Denis è sempre stato un ottimo attaccante, soprattutto a Bergamo.

Autore: Angelo Losco

Calciomercato 2015: Top Ten degli svincolati, possibili affari estivi

subbuteo

Come ogni anno, il calciomercato regala allo stesso tempo ai tifosi grandi colpi di mercato ed esclusioni eccellenti. Quest’anno sono tanti i giocatori che non hanno ancora trovato una squadra e che fanno gola a molti clubs italiani. La scelta è ampia e varia ma tra i moltissimi svincolati, dieci spiccano per bravura e soprattutto per esperienza.

1)Stefano Mauri: L’ormai ex capitano e bandiera della Lazio (241 presenze in 10 anni condite da 41 gol) ha deciso di non rinnovare con la squadra capitolina. Grazie alla sua duttilità a centrocampo, ai suoi inserimenti e al suo innato fiuto del gol può interessare a molte squadre italiane, il suo curriculum del resto parla chiaro anche se l’età (35 anni) non è dalla sua parte.

2)Marco Borriello: Dopo la terza esperienza al Genoa (meno fruttifera delle altre due) l’ormai 33enne è alla ricerca di una nuova squadra per ripartire. Attaccante forte fisicamente, sa reggere il peso dell’attacco da solo e se ben supportato dalla squadra sa come segnare una valanga di gol, ma necessita di un ambiente che crede in lui e Roma, West Ham e Genoa non gli hanno dato sicurezza. I gol segnati tra il 2007 e il 2013 parlano chiaro, 59 in totale tra Genoa,Milan,Roma e Juventus. Sulle sue tracce c’è il Carpi neopromosso ma suscita l’interesse di molti club italiani, sarà una bagarre per accaparrarselo.

3)Alberto Aquilani: Il “Principino”, soprannominato così ai tempi della Roma per la sua somiglianza al “Principe” Giannini esteticamente e calcisticamente, è alla ricerca di una nuova squadra. La nuova Fiorentina di Paulo Sousa non lo ha inserito nel nuovo progetto e il talento 31 enne nel pieno della maturità ha deciso di cambiare aria. È un centrocampista duttile che può ricoprire diversi ruoli, può giocare infatti come trequartista ma anche come regista, è molto bravo negli inserimenti e possiede un buon tiro che gli ha permesso di segnare molti gol dalla distanza.

4)Sergio Romero: il portiere che nel 2014 ha portato l’Argentina in finale grazie alle sue prodezze in semifinale contro l’Olanda è stato scaricato dalla Sampdoria dopo una stagione trascorsa come secondo portiere alle spalle di Viviano. Il 28enne Argentino ha tutte le carte in regola per diventare il primo portiere di una big italiana, sicuramente è uno dei portieri svincolati più forti presenti sulla piazza.

5)Juan Manuel Vargas: il capitano della nazionale peruviana ha messo fine alla sua esperienza in maglia viola dopo diversi anni di alti e bassi, Esploso nel 2007 a Catania come terzino , 31enne può ricoprire anche il ruolo di esterno di centrocampo grazie alla sua bravura nel dribbling, al suo potente tiro e alla sua velocità.

6)Cristian Ledesma: Centrocampista classe 1982 dopo aver giocato 9 anni nella Lazio cerca una nuova squadra. L’ex regista di Lecce e Lazio vanta 16 gol in carriera segnati grazie alle sue doti balistiche che gli hanno permesse di segnare diversi gol da calcio piazzato e di essere un eccellente rigorista. È un ottimo regista e con la sua visione di gioco può fornire diversi assist ai compagni grazie ai suoi lanci lunghi, ottimo per una squadra medio-piccola.

7)Antonio Cassano: Il talento di Bari Vecchia è forse lo svincolato più ricercato di questa torrida estate. Dopo il fallimentare anno a Parma è alla ricerca dell’ennesima sfida. Le Cassanate sono ormai lontane e la sua maturità può solamente portare del bene alla squadra nella quale si accaserà. Può giocare prevalentemente come seconda punta o trequartista con il suo punto di forza nel dribbling e nel controllo di palla che fanno di lui un giocatore unico nel suo genere.

8)Ezequiel Munoz : Richiesto da Milan e Sampdoria, il difensore argentino si è trovato svincolato alla fine della stagione. Sono molte le squadre pronte da accaparrarselo, vista la giovane età (24 anni) e la sua bravura. È un centrale di difesa molto forte fisicamente che si fa valere negli anticipi e nel gioco aereo, lo dimostrano i suoi 5 gol con la maglia del Palermo.

9)Jonathan: Considerato al suo arrivo in Itala come il nuovo Maicon il 29enne brasiliano non ha confermato le aspettative rimanendo un oggetto misterioso anche a causa dei suoi molteplici infortuni. Ma è un terzino affidabile che può giocare anche come esterno di centrocampo grazie alla sua offensività, la voglia di riscatto e tanta e molte squadre sono sulle sue tracce.

10) Sulley Muntari: Il 30enne Ghanese è pronto per una nuova sfida. Ingaggiarlo sarebbe una scommessa per gran parte delle società italiane. Alterna infatti bel gioco e tecnicità a Disastrose prestazioni e Cartellini rossi. Rimane comunque un giocatore molto forte fisicamente e con ottime doti balistiche.

Autore: Angelo Losco

El Shaarawy come Pato? Buffa lo aveva predetto

El_Shaarawy_GC485271-e1351433318788

 

El Shaarawy dice addio al Milan, che incassa 16 milioni di euro, e si trasferisce in Costa Azzurra: lo attende il Monaco, club che vuole presto tornare ai fasti del tempo che fu e che dopo l’eliminazione ai quarti di Champions League ad opera della Juventus, pare aver ripreso il passo giusto per tornare fra le grandi d’Europa. Ma Federico Buffa ci aveva visto giusto allora, quando aveva azzardato un paragone fra Pato e il Faraone….

Higuain: chi porta 94M di euro, è suo!

Higuain-Napoli

Higuain non si muove, o almeno, chi paga, lo prende. Il comunicato della società del presidente De Laurentiis è molto chiaro: “Il Napoli ci tiene a fare una precisazione ufficiale: in merito ad alcuni articoli sui giornali secondo cui ci potrebbe essere una cessione di Higuain, la società precisa che esiste nel contratto dell’argentino una clausola rescissoria del cui importo è di 94 milioni 736mila euro. Non ci sono trattative, chi volesse il giocatore dovrà sborsare questa cifra nelle casse del club”.

In Spagna sicuri: Pogba – Barca tra un anno

Juventus - Barcellona pogba

Pogba – Barcellona si farà: in Spagna la stampa è sicura che l’affare (del secolo) sarà tra un anno, non appena i catalani termineranno il periodo di stop del calciomercato in entrata per la nota sanzione FIFA. Nonostante Raiola abbia già offerto il giovane 22-enne Paul ai top clubs europei, Pogba è destinato a vestire la casacca blaugrana nel 2016. Secondo elmundodeportivo, quotidiano catalano molto vicino alle cose di casa Barcellona, i recenti incontri fra i rispettivi uomini mercato, Ariedo Braida e Beppe Marotta, avrebbero risolto ogni eventuale questione, facendo si che la Juventus prometta in sposo Pogba per la prossima estate e lasciando il francese alle dipendenze di Allegri ancora per la stagione 2015-16.