Clamoroso: il ct Keshi vince la Coppa d’Africa e si dimette

A nulla è valsa la vittoria in finale di Coppa d’Africa di ieri. Il ct Stephen Keshi ha infatti comunicato di aver rassegnato le proprie dimissioni alla Federazione a meno di 24 ore dal successo nella rassegna continentale nella finale contro il Burkina Faso. A rendere nota la decisione è stato lo stesso Keshi ai microfoni dell’emittente radiofonica Metro FM; secondo il ct, la Federazione nigeriana aveva deciso di chiudere il rapporto prima dei quarti di finale vinti contro la Costa d’Avorio.

Alla Nigeria la Coppa d’Africa : finisce il sogno Burkina Faso

19 anni sono stati necessari alle Aquile per tornare a volare sulla cima della Coppa d’Africa e nella finale di Johannnesburg è sufficiente una grande giocata di Sunday Mba sul finire del primo tempo per far terminare il sogno degli Stalloni del Burkina Faso.

Il secondo tempo è solo utile per i vani tentativi degli uomini del tecnico Put e solo in’occasione l’estremo difensore nigeriano deve superarsi deviando la potente conclusione incrociata di Sanou. Per il tecnico Keshi questa vittoria doppia quella ottenuta in campo nel 1994 e adesso guiderà la formazione alla prossima Confederations Cup in Brasile nel prossimo giugno.

In Coppa d’Africa l’arbitro ammette l’errore e salva un giocatore

Come ha reso noto l’ANSA poche ore fa, l’attaccante del Burkina Faso Jonathan Pitroipa potrà giocare la finale della Coppa d’Africa, domenica contro la Nigeria, dopo l’annullamento della sua squalifica deciso dalla Disciplinare della Confederazione africana. A rendere possibile tale intervento, rarissimo nella storia del calcio, l’ammissione di aver sbagliato messa nero su bianco da parte dell’arbitro tunisino Jdidi, il quale nella semifinale Burkina Faso-Ghana aveva espulso Pitroipa giudicando una sua caduta per simulazione.

Burkina Faso: è finale dopo i penalty

Prima finale di Coppa d’Africa per il Burkina Faso, che si è qualificato battendo in semifinale il ben più accreditato Ghana per 4-3 dopo i rigori. I supplementari si erano conclusi 1-1, con reti di Wakaso al 13′ pt su rigore per i ghanesi e Bance’ al 15′ st per gli Stalloni. Poi dal dischetto il Burkina Faso ha segnato con Kone’, H. Traore’ e Bance’, mentre le Stelle Nere hanno commesso tre errori con Vorsah, Kottey e Badu. In finale il Burkina Faso domenica a Johannesburg affronterà la Nigeria che nel tardo pomeriggio aveva nettamente sconfitto il Mali per 4-1.

BURKINA FASO-GHANA: 3-4 dcr
Burkina Faso (4-4-1-1): Diakite; Koffi (90′ H.Traore), B.Kone, Koulibaly, Panandetiguiri; Rouamba, D.Kone, Nuguimbe, Pitripa; Kabore, Bancé. A disp.: Soulama, Sanou, Ouattara, P.Koulibaly, A.Traore, Balima, Sanou, Dagano, Rabo. All.: Paul Put.

Ghana (4-2-3-1): Dauda; Paintsil (10′ Asante) , Vorsah, Boye, Afful; Rabiu (47′ D.Boateng), Badu, Asamoah; Atsu, Gyan, Wakaso (104′ Clottey). A disp.: Agyei, Awal, Annan, Kwarasey, Akaminko, Mensah, Boakye, Akaminko, K.Boateng. All.: Appiah.

Arbitro: Jedidi (Tunisia)
Marcatori: 13′rig. Wakaso (G), 60′ Bancé (B)
Note: ammonizioni: Pitroipa, Koulibaly (B), Rabiu, D.Boateng (G); espulsi: Pitroipa (B)

Asamoah: voglio la finale della Coppa d’Africa

La sua Juventus ha sofferto nel mese di gennaio l’assenza sulla fascia di un cursore che sapeva mettere nell’area avversaria palloni invitanti per  gli attaccanti. Impegnato nel torneo africano con il suo Ghana, Asamoah vede nel Burkina Faso solo un intralcio verso la finale che vuole a tutti i costi .

“Siamo molto contenti di essere arrivati alle semifinali, vogliamo lottare e siamo qui per vincere. Prometto ai tifosi, come riporta il sito goal.com, che lotteremo sino alla fine. Sapevo che il nostro allenatore non aveva fatto delle brutte scelte in quanto alla rosa, in squadra ci sono tanti giocatori di talento”. Il centrocampista della Juve ha poi detto: “Non avevo dubbi che saremmo andati avanti. Nel 2010 avevamo tanti giocatori senza esperienza, ma anche in quel caso arrivammo in finale. Anche per questo motivo non sono affatto preoccupato per il prosieguo del torneo”.