Ballardini ed il Genoa ai titoli di coda

Salvarsi e dirsi addio in fretta, sembra essere la moda di questi primi giorni di “virtuale” calciomercato. Stavolta è toccato a Ballardini ed al Genoa salutarsi dopo un faticoso inseguimento alla salvezza, raggiunta ad una giornata dal termine.

A darne l’annuncio, seppure non in maniera ufficiale., è stato il numero uno del Grifone Enrico Preziosi, che nel corso di un’intervista concessa all’emittente Telenord, ha dichiarato: «Non incontrerò mai più Ballardini. Magari l’ho già fatto e ci siamo già salutati. Il nome del nuovo allenatore? Adesso sono impegnato su altre cose, mi dispiace, se ho deciso di non parlare c’è un motivo. Intanto, sono già usciti undici nomi…»

Ballardini premiato con il Cartellino Viola

Bella notizia in casa rossoblù: il tecnico Davide Ballardini è stato infatti premiato con il cartellino Viola, riconoscimento che gli è stato assegnato per il gesto di fair play compiuto in occasione del match all’Olimpico contro la Roma quando chiese ai suoi giocatori di calciare in fallo laterale il pallone per un incidente occorso al giallorosso Osvaldo.

«Ringrazio moltissimo la Fiorentina, gli organizzatori, i tifosi e la giuria, anche se non credo di essermi meritato il premio sino in fondo, per quel poco che ho fatto in quella circostanza. E’ un attestato comunque che fa assai piacere e, pure a nome del Genoa, rivolgo sinceri complimenti al Club viola per queste iniziative, che ricollocano il calcio nella dimensione in cui deve posizionarsi, allo scopo di educare i giovani ai valori e alle responsabilità» sono state le parole dell’allenatore  romagnolo.

Preziosi: il futuro nelle nostre mani

Enrico Preziosi non molla ed anzi raddoppia. Intervistato a Radio Nostalgia il patron rossoblù crede fortemente alla salvezza e lancia stimoli forti al suo gruppo.

“Non mi interessa cosa fanno le altre squadre. Il futuro dipende da noi. Noi ci crediamo i tifosi anche. Non mi arrendo e neanche i calciatori devono arrendersi. Ballardini lo ho confermato io. I giocatori devono dimostrare di credergli. In un gruppo non abbiamo lo stesso modo di pensare, qualcuno soffre un po’ meno. Il gruppo si compatterà con quelli che hanno voglia di vincere. Abbiamo parlato di comportamenti di alcuni calciatori che non ci soddisfano. Non ho altro da aggiungere. Ne usciranno delle altre. Ai tifosi dico, purtroppo, per fortuna o sfortuna, non ho nessuno interessato al Genoa”.

E’ la settimana del derby: Preziosi incontra la squadra

A distanza di due anni circa le parti si sono rovesciate: nel prossimo derby della Lanterna a rischiare seriamente la retrocessione stavolta è il Genoa. Al momento a pari punti con le altre due pericolanti  il Grifone sa che solo una delle tre potrà tornare ad assaggiare l’anno prossimo il palcoscenico della serie maggiore ed il numero uno rossoblù Preziosi ha voluto essere ieri vicino al gruppo.

Così l’incontro ieri pomeriggio al centro sportivo Signorini verso le 13.30 quando con un breve colloquio con i giocatori più rappresentativi, Borriello Immobile, Matuzalem e infine Vargas, ha chiesto semplicemente fatti e non parole. Il presidente ha promesso che tornerà ancora nel corso della lunga settimana a Pegli, in quello che potrebbe essere il match della svolta, in un senso o nell’altro.

Il Genoa perde contro un grande Napoli e Ballardini rischia

A nulla è valso giocare contro una squadra, quella partenopea, che pare essere ritornata ad essere scintillante come ad inizio anno. Il Genoa esce battuto dal San Paolo e viene risucchiato nei tre posti indigesti che costano la retrocessione.

Ecco che è uscita la notizia, riportata pochi minuti fa da Mediaset Premium, che si starebbe svolgendo un summit fra Preziosi, Foschi e Ballardini. Non sono esclusi colpi di scena che potrebbero portare all’ennesimo cambio di tecnico , in vista dei matches decisivi.

Preziosi punta tutto su Ballardini per la salvezza

Ai microfoni di Sky Sport 24, il presidente del Genoa Enrico Preziosi ha manifestato tutta la sua preoccupazione per il club rossoblù che sta faticando parecchio ad uscire dalla zona caldissima ed in merito all’ultimo cambio tecnico dichiara:

“Sono molto preoccupato e la colpa è solo mia, ma provo a cambiare qualcosa almeno. Perchè Ballardini? E’ già stato a Genova. Ho preferito puntare su di lui che in passato ha fatto bene. In estate è possibile che abbiamo sbaglia mercato, quindi in caso di retrocessione sarò io l’unico responsabile – le parole di Preziosi – . Se ho paura? Ho il terrore di retrocedere. Bisogna però accettare il risultato del campo, in caso di retrocessione vorrà dire che è stata meritata, ma spero non succeda”.