Di Canio e le ultime parole famose

“Il Monday Night sarà la nostra finale di Champions League, l’ho già detto ai miei ragazzi. La salvezza è ormai molto vicina. Abbiamo una grande opportunità e non vogliamo sprecarla”, aveva detto Di Canio prima del match, caricando la squadra. E poi andando a leggere il tabellino, uno schiacciante 6-1 subito per mano dei Villans, ricaccia la formazione dell’ex laziale in piena bagarre, con appunto lo stesso Aston Villa che riaggancia al quart’ultimo posto lo stesso Sunderland ed il Newcastle a 37 punti. Il Wigan, terzultimo, è lontano ancora 5 punti ma con un match in più da disputare rispetto ai Black cats.

Aston Villa 6 Ron Vlaar 31, Andreas Weimann 38, Christian Benteke 55, Christian Benteke 59, Christian Benteke 72, Gabriel Agbonlahor 88

Sunderland 1 Danny Rose 32

 

Successo per il City di Mancini, ma la vetta dista ancora tanto

Successo esterno per il City di Mancini che sbanca il Villa Park con una rete dell’argentino Tevez allo scadere della prima frazione. La partita cambia quando , al 25° del primo tempo, Mancini deve sostituire per infortunio  il centrocampista Jack Rodwell e viene rimpiazzato da Dzeko mentre Yaya Toure viene posizionato dietro la linea mediana per sostenerla. Con la sconfitta i Villans rimangono in terzultima posizione in Premier League, in piena lotta per non retrocedere mentre i Citizens rimangono a 12 punti dalla vetta, dove si trovano i concittadini dello United.

Aston Villa Guzan – Clark – Bennett – Baker – Lowton – N’Zogbia (Holman – 65′ ) – Westwood (El Ahmadi – 85′ ) – Delph – Agbonlahor – Benteke – Weimann (Dawkins – 84′ )

Manchester City Hart – Zabaleta – Clichy – K Toure – Nastasic – Milner – Garcia – Rodwell (Dzeko – 25′ ) – Silva (Barry – 90′ ) – Y Toure – Tevez (Nasri – 75′ )

Marcatore : Tevez 45°

Ammonizioni:  Delph e Benteke (AV)

John Carew si dà al thriller

Una carriera che spazia fra diverse nazioni europee , fra cui anche l’Italia quando nella stagione 2003-04 vestì i i colori della Roma. Ora John Carew, ancora relativamente giovane per il calcio con i suoi 33 anni, ha lasciato il West Ham mettendo in stand-by la sua carriera da calciatore.

Si sta infatti dedicando al cinema con il ruolo di attore: Il suo film, in uscita nel 2013, si chiama “Killing Time” e si tratta di un action-thriller movie. “Non posso dire molto sulla trama perché il progetto è ancora lungo. Ad ogni modo le cose, a quanto pare, stanno andando bene, e mi dicono che ho la stoffa da attore”. Tuttavia Carew ha preferito ribadire che il calcio non è ancora il suo passato ed anzi ci terrebbe ad indossare in futuro la maglia dell’Aston Villa “la squadra alla quale sono rimasto più legato”.

Sorpresa Bradford: 3-1 nell’andata della semifinale di Coppa di Lega

Continua la favola del Bradford, il piccolo club che milita in Football League Two, l’equivalente della nostra Lega Pro Seconda Divisione, che nella semifinale d’andata della Coppa di Lega ha battuto 3-1 in casa, nello stadio  Valley Parade, l’Aston Villa.

Dopo aver eliminato l’Arsenal ai rigori, il Bradford si e’ imposto grazie alle reti di Wells, McArdle e McHugh, di Weimann, invece, il momentaneo 2-1 dell’Aston Villa. Fra due settimane la semifinale di ritorno, quando la squadra della regione del West Yorkshire scenderà al Villa Park di Birmingham, tenterà di rinverdire i fasti del 1911, quando vinse, ormai un secolo fa, la Coppa d’Inghilterra. Domani, invece, l’altra sfida tra Chelsea e Swansea a Stamford Bridge.

 

Bradford 3  Wells 19, McArdle 77, McHugh 88
Aston Villa 1  Weimann 82

Simone Farina: l’Inghilterra è un sogno

Come riportano le colonne del quotidiano Repubblica, Simone Farina, lasciato il calcio giocato (italiano) è partito con la valigia per la terra d’Albione, con il ruolo presso l’Aston Villa di educatore sociale. Dopo mille polemiche sul perché non fosse riuscito a trovare una squadra, dopo il Gubbio con cui aveva rescisso, ha rilasciato le sue prime impressioni: “Con voi sono felice”.”Ho sofferto molto in questo periodo, ora la cosa più bella per me è stare con dei ragazzi che pensano solo a giocare”.

Ha poi continuato circa gli aspetti morali: “Non voglio passare per il resto della mia vita a giustificarmi, a vivere con l’etichetta dell’infame”.
E poi dice di essere assolutamente tranquillo in questo momento: “So di avere dietro di me la Fifa, l’Interpol e l’Aston Villa. Insegno il rispetto e l’educazione. L’Inghilterra è un sogno”.

Blatter: Farina esempio per tutti

Torna sull’argomento scommesse illegali il presidente della FIFA, lo svizzero Joseph Blatter, e lo fa lodando ancora una volta Simone Farina, da oggi ufficialmente “community coach” del club inglese dell’Aston Villa.
Esprime così la sua soddisfazione per la nuova nomina: “Sono molto orgoglioso di Farina, è un modello per tutti. Gli faccio i miei migliori auguri per questa collaborazione”.

Sorpresa in Coppa di Lega Inglese: fuori il City

Altro match infrasettimanale per la squadra di Mancini ed altra sconfitta. A differenza di settimana scorsa, quando in rimonta furono i galacticos ad abbattere il City, stavolta l’impegno era casalingo e valido per la Capitol One Cup, coppa di lega inglese.

Sconfitta ai supplementari per 4-2 contro l’Aston Villa e passaggio del turno per il club di Birmingham mentre il Chelsea ha demolito con un punteggio tennistico (6-0) i lupi di Wolverhampton.

Questi tutti i risultati finali:

Brandford – Burton 3-2 dts (2-2)

Chelsea – Wolves 6-0

Crawley – Swansea 2-3

Leeds – Everton 2-1

Manchester City – Aston Villa 2-4 dts (2-2)

Milton Keynes – Sunderland 0-2

Preston – Middlesbrough 1-3

Southampton – Sheffield Wed 2-0

Swidon – Burnley 3-1

 

West Ham – Wigan 1-4

Un italiano insegnerà Fair-Play agli inglesi: è Simone Farina

Era passato alla ribalta per aver rifiutato un tentativo di combine di un match di Coppa Italia Cesena – Gubbio, proposta arrivata dal suo ex compagno di squadra Zamperini; lo stesso Blatter lo aveva premiato ed eretto a simbolo della lotta alla corruzione nel calcio.

Ieri Simone Farina, dopo aver rescisso consensualmente con il club umbro in mattinata, ha accettato la proposta che veniva da Oltremanica, più precisamente dall’Aston Villa.

Presso il club di Birmingham avrà il compito di insegnare i principi del fair play ai calciatori delle squadre giovanili. Le voci su “Mister Clean”, come è stato ribattezzato dai giornali inglesi, di un possibile ingaggio come dirigente erano in circolazione dai primi giorni di agosto, ieri l’ufficialità.