Mexes-Milan: matrimonio già finito?

 

 

Tra e il potrebbe arrivare la rottura: ad ipotizzarlo, con la classica pulce nell’orecchio, è stato Didier Deschamps, attuale c.t. transalpino. Sarà che la sindrome da “big in partenza” è contagiosa dalle parti di Milanello, sarà che effettivamente, in questo pre-campionato, non ha mai utilizzato il centrale francese nemmeno inserendolo dalla panchina (mentre gli altri “reduci” dall’Europeo sono tutti scesi in campo, da Abate a Cassano, passando per Montolivo e Nocerino); sarà che al tecnico livornese non sono mai andati giù gli errori di Philippe contro Fiorentina e Bologna (che di fatto costarono il tricolore al Diavolo). Ma soprattutto sarà che l’ex giallorosso percepisce uno stipendio di circa 4 milioni, quindi 8 lordi, uno dei più alti della rosa dopo gli addii di e . In Via Turati sono sensibili alle priorità dettate dal bilancio (il saldo attuale di mercato dice + 58 milioni) e un ingaggio simile fa storcere il naso a , soprattutto considerando il rendimento del giocatore sino a questo momento.

Per il trentenne d’oltralpe non  sono  tuttavia arrivate offerte concrete, ma  MilanNews.it riporta che la società rossonera potrebbe anche prenderne in considerazione, se congrue e reali.