Il Milan sulle tracce di Mourinho per sostituire Allegri

A tutto il popolo di fede interista potrebbe anche mancare un battito del cuore. Provate a domandare ad un qualunque tifoso dell’Inter come vedrebbe sulla panchina del Milan. Insulti e impropèri vari a parte, la frase più gettonata potrebbe essere: “Josè ama l’Inter, non lo farebbe mai.” Certo fu lo stesso Special One a giurare che se fosse tornato mai in Italia, lo avrebbe fatto solo per allenare ancora il club di Moratti. Ma le cose cambiano, o possono cambiare…

SOGNO ROSSONERO – Nonostante gli attestati affettuosi di facciata verso Allegri, il Milan sembra si stia muovendo proprio per convincere il tecnico portoghese ad accasarsi a Milanello, anche se l’ostacolo del suo ingaggio non è un dettaglio di poco conto. Mou sa bene che il suo ciclo al è finito, a meno di miracoli da qui a maggio (leggi: vittoria Champions League); sa bene anche che le più prestigiose d’Europa difficilmente si libereranno a giugno. Nella sua amata Inghilterra (Arsenal) e (Manchester United) sono attaccati alla poltrona con la colla e Benitez (Chelsea) potrebbe convincere Abramovic a tenerlo un altro anno se conquistasse un posto tra le prime tre della Premier o vincesse qualcosa. Perciò, se anche Mancini (Manchester City) restasse in sella, l’ipotesi di star fermo un anno non allieterebbe l’uomo di Setubal.

IPOTESI PSG ANCORA VIVA? – Resterebbe l’alternativa degli sceicchi di Francia: spesso Mourinho è stato accostato alla panchina del Psg, soprattutto recentemente dato il clima non troppo amichevole nato intorno a Carlo . Tuttavia le voci d’oltralpe parlano di fiducia mai in discussione nei confronti dell’allenatore di Reggiolo. Dal momento che anche la nemesi di Mou, , sembra aver scelto la collocazione dopo l’anno sabbatico (il Bayern Monaco), non resta che vedere se in Via Turati riusciranno a trovare i soldi per fare lo sgarbo del secolo ai cugini.