I 5 flop della Serie A 2014-2015 attesi al riscatto

cerci

La nuova stagione è ormai alle porte, manca poco più di un mese all’inizio del campionato e come ogni anno le aspettative sono tante. La scorsa annata è stata strepitosa per alcune squadre e disastrosa per altre. Sono molti i calciatori che non hanno convinto e che con l’inizio del nuovo anno sono in cerca di riscatto per far ricredere le società e i tifosi, 5 in particolare devono assolutamente riscattarsi da un’annata pessima:

1)Mario Gomez: Acclamatissimo al suo arrivo in Italia due anni fa, è stato sull’orlo del baratro la scorsa stagione a causa di due infortuni gravi che ne hanno pregiudicato le prestazioni e lo hanno bloccato dal punto di vista fisico e mentale; i pochissimi gol segnati con la maglia viola ne sono la dimostrazione (appena 14 in 47 presenze di cui solamente 7 in campionato). Con l’arrivo di Paulo Sousa il suo unico obiettivo è quello di sbloccarsi per far sognare società e tifosi e per avere un futuro a Firenze.

2)Nemanja Vidic: Dopo l’ottima partenza nella fase precampionato 2014/2015, il talentuoso difensore serbo ha deluso le aspettative di molti tifosi. Con Mazzarri non si è dimostrato all’altezza dopo essere stato schierato nella difesa a 3 a lui non congeniale, ma ha deluso anche con l’avvento di Mancini dando l’impressione di non essere più quel difensore che al Manchester United si rendeva protagonista di interventi eleganti e di goals che facevano di lui un centrale di difesa unico nel suo genere. È obbligato a far ricredere i tifosi dell’inter e a tornare a giocare come ai tempi della Premier League.

3)Alessio Cerci: Solamente un anno fa lasciava l’Italia per poter giocare in Spagna all’Atletico Madrid, vedendo il proprio sogno realizzato. La sua esperienza nella capitale spagnola si è conclusa anzitempo e il Milan ha deciso di prenderlo in prestito per 18 mesi, ma i primi sei non sono stati all’altezza. Deve ricominciare da capo, dimenticando la brutta esperienza a Madrid conclusa con un solo gol e cercare di tornare ad essere la spina nel fianco di tutte le difese d’Italia con la sua velocità, il suo tiro e i suoi dribbling.

4)Juan Manuel Iturbe: Acquistato nel 2014 dalla Roma per la cifra di 22,5 milioni di euro, il talento argentino ha deluso moltissimo le aspettative, impacciato, lento nei movimenti e inesistente in attacco, deve dimostrare che la scorsa stagione è stata solo un incidente di percorso. Con soli due gol all’attivo in maglia giallorossa deve far ricredere la società che ha investito molto in lui e che lo ha inserito al centro del progetto, tutti i tifosi della Roma sperano in una sua rinascita, staremo a vedere.

5)German Denis: El Tanque quest’anno è stato per lunghi tratti un oggetto misterioso in campo. Pochissimi gol, Rigori sbagliati e poca grinta lo hanno fatto apparire come il fantasma di sé stesso; la sua squalifica di 5 giornate ricevuta a causa di un pugno Tonelli dimostra la sua poca tranquillità che in campo si è notata molto e che ha contribuito alla grande sofferenza della squadra bergamasca che si è salvata solamente nelle ultime giornate. Con l’inizio del campionato deve ricominciare a carburare e a segnare come sempre nell’Atalanta, perché un anno negativo può capitare anche ai migliori e Denis è sempre stato un ottimo attaccante, soprattutto a Bergamo.

Autore: Angelo Losco