Giuseppe Rossi-Inter: è possibile

“Diciamoci la verità: Pepito è forte, è talento allo stato puro, ma è fragilino. Le ginocchia che scricchiolano presto e che presto si rompono, già due interventi. Dai, è un rischio.” “Sì però lo dicevano anche di Roberto Baggio…”

Ecco, più o meno questo potrebbe essere stato lo scambio di battute, negli ultimi mesi, tra un qualunque dirigente di un club alla ricerca di un giocatore offensivo e il procuratore di Giuseppe . Certamente costui è di parte, ma non gli si può dar torto. In fondo, anche sul divin codino in pochi sono stati pronti a scommettere, a più riprese, davanti alle rotture a catena di cui è stato vittima. Ma quelli che hanno puntato tutto su di lui, non si sono pentiti.

Massimo è un romantico, Baggio lo ha avuto. Ha puntato e non si è pentito. Da tempo vorrebbe arrivare anche al giocatore del , nella speranza di non mangiarsi le mani più in là. Ma un romantico parte dal presupposto che le mani potrebbe divorarsele se un talento se lo prende la concorrenza.

Per questo la dirigenza dell’ potrebbe mettersi al lavoro già da gennaio. Il procuratore di Rossi, Federico Pastorello, fa sapere che il suo assistito dovrebbe ritornare abile e arruolato per marzo. L’obiettivo è quello di essere al top nella prossima stagione, per puntare alla maglia azzurra in ottica Mondiale brasiliano. Pepito verrebbe a Milano di corsa, questo non è un mistero; oltretutto il Villareal, sceso nella Serie B spagnola, non potrà pretendere la luna, anche perché il giocatore è fermo da più di un anno.

Si vedrà. Se come è già accaduto nel recente passato saranno solo fuochi fatui; se l’ostracismo verso il ragazzo born in the Usa finalmente cesserà oppure no. Nel frattempo, mettiamo un dvd con i migliori gol di Baggio.