Per l’Italia sovraffollamento in attacco, incognita Balotelli


Gli Azzurri di Cesare Prandelli si apprestano a riprendere le fila del discorso Mondiali 2014 iniziato un mese fa con i 4 punti, molto sofferti, conquistati con Bulgaria (2-2 in trasferta) e Malta (2-0 in casa). L’Italia non è nuova a partenze lente in autunno e deve inoltre fare i conti con il cambio generazionale che il commissario tecnico vuole portare avanti per immettere forze fresche nel gruppo che nei prossimi 2 anni si giocherà l’approdo ai Mondiali brasiliani.

Torna Gila dopo un anno, il nome caldo è El Shaarawy
Come previsto, niente ritorno in azzurro per Cassano nonostante il roboante inizio di campionato con l’Inter, mentre la rinascita di Gilardino con la maglia del Bologna ha convinto il ct a richiamare l’attaccante che mancava in azzurro da più di un anno. Nella lista dei 27 azzurri convocati da Prandelli ritorna anche Mario Balotelli che aveva saltato per infortunio il doppio impegno di settembre. Il protagonista dello scorso europeo dovrà però sgomitare per trovare una maglia da titolare anche alla luce dell’opaco avvio di stagione che lo ha visto sovente seduto in panchina nel Manchester City (ieri è partito titolare ma Mancini lo ha sostituito dopo 55 minuti).
Per i due posti da titolare sono sei gli attaccanti che si contenderanno il posto in squadra con il romanista Osvaldo, titolare nelle ultime due uscite in azzurro ma fresco dell’esclusione decisa da Zeman nell’ultima giornata di campionato. Il suo compagno Mattia Destro non si è ancora sbloccato con la maglia giallorossa e lo juventino Giovinco ancora in cerca di consacrazione, anche se reduce dalla buona prova a Siena. Certamente Balotelli e Osvaldo partono in vantaggio sugli altri, con Giovinco prima alternativa. Ma Prandelli potrebbe decidere di sfruttare la prima partita con l’Armenia per provare El Shaarawy, il più in forma tra i sei contendenti. Non va poi dimenticata l’alternativa Diamanti che Prandelli ha più volte utilizzato anche come punta d’appoggio.

Venerdì in Armenia, il 16 a Milano contro la Danimarca
La parentesi azzurra prevede il raduno oggi a Coverciano, partenza già mercoledì destinazione Armenia dove venerdì alle 19 ora italiana si svolgerà la sfida con la nazionale armena. Poi ritorno in Italia per la sfida contro la Danimarca