Suarez: mi hanno trattato peggio di un hooligan

si è sfogato in un’intervista concessa al settimanale sportivo tedesco Kicker, tornando a parlare dell'”incidente di gioco” avvenuto durante Italia – Uruguay degli scorsi Mondiali in Brasile, ovvero il morso  al “nostro” Giorgio Chiellini: “Mi hanno trattato peggio di un Hooligan“, è la dichiarazione esplosiva che l’attaccante uruguaiano del ha voluto evidenziare, con riferimento alla super squalifica di 4 mesi e di nove partite con la nazionale.

“Sono stanco, sono condannato ad essere un semplice spettatore” e la lamentela è rivolta anche al fatto che “in principio non mi hanno nemmeno lasciato allenarmi con il Barcellona. O una cosa o l’altra sarebbe stato meglio, non entrambe”.

E per Suarez le lamentele si mescolano alle paure: “Ho avuto persino timore di andare a vedere giocare mio nipote con le giovanili durante le vacanze” e poi rivolgendosi in maniera indiretta alla giustizia sportiva dice: “se la FIFA già mi aveva castigato a livello di club, perchè estendere la squalifica anche alla nazionale?”.