St Etienne: il nuovo Calderone per Euro 2016

“Allora preparo per “: così Antonio avrebbe risposto al numero uno federale Tavecchio indicando dove deriderebbe situare il ritiro degli Azzurri  in vista della fase finale di che, salvo sorprese, vedrà la nazionale italiana al via della rassegna continentale per la prima volta a 24 squadre. Anche se al momento non è ancora nota la sede degli incontri dell’, vogliamo mostrarvi alcune caratteristiche dello locale, che si è rifatto in trucco per presentarsi al meglio nel giugno del prossimo anno.

Il Geoffroy-Guichard è uno stadio polifunzionale con una capienza di 35.616 spettatori ed è dedicato principalmente alle partite di calcio, ed la “casa” dei verdi di , così è definita da sempre la squadra locale per via del colore della maglia.
E’ stato in passato teatro di alcune partite del Campionato europeo 1984, dei Mondiali del 98 e della Confederations Cup 2003. Inoltre ha ospitato anche incontri di rugby della Coppa del mondo del 2007: fu un Italia – Scozia, disputato su questo prato e terminato 18-16 per gli scozzesi, il match checostò agli azzurri l’eliminazione dal torneo mondiale.

Inaugurato il 13 settembre 1931, dopo soli 4 giorni, ovvero il 17 settembre si disputò il primo match del St Etienne. Lo stadio è intitolato a Geoffroy-Guichard, imprenditore francese fondatore della catena commerciale Groupe Casino, finanziatore dell’opera. Lo stadio è soprannominato dai tifosi locali “le Chaudron” (“il Calderone”) o “l’enfer vert” (“l’inferno verde”), con riferimento ai colori sociali. Dal punto di vista architettonico in “stile inglese”, cioè è aperto agli angoli, con le quattro tribune, intitolate ad altrettanti giocatori francesi; rispettivamente:

tribuna Charles Paret: 8541 posti
tribuna Jean Snella: 8767 posti
tribuna Pierre Faurand: circa 7500 posti, compresi 18 box per un totale di 1200 posti riservati ai VIP,
tribuna Henri Point: 10315 posti, inclusi 1200 riservati ai tifosi delle squadre ospiti

Curioso che la tifoseria più calda non si posizioni nello stesso settore: i Magic Fans e i Green Angels, questi i due gruppi più importanti, sono situati esattamente di fronte, dietro le due porte. Una squadra italiana ha già avuto modo di saggiare l’opera: infatti il 7 novembre scorso St Etienne  ed Inter si sono affrontate in Europa League in un match valido per il quarto turno del Girone F, incontro terminato con il punteggio di 1-1.

Geograficamente lo stadio si trova nella parte nord della città ed è stato costruito sopra i vecchi tunnel delle miniere ed accanto a una industria di acciaio, tanto che durante le fasi di lavorazione della fabbrica i fumi delle ciminiere attraversavano il campo.

Sarà teatro di 4 incontri della fase finale di Euro 2016 e più precisamente:

14 giugno 2016 ore 21.00 gruppo F
17 giugno 2016 ore 18.00 gruppo D
20 giugno 2016 ore 21.00 gruppo B
25 giugno 2016 ore 15.00 ottavo di finale