Le 10 frasi famose di Josè Mourinho

mourinho

 

 

Mentre il suo “balbetta” in Premier League, Josè , lo “Special One”, non vuole mai uscire dal palcoscenico. Dopo le ultime dichiarazioni ai media inglesi, secondo cui Mou vorrebbe evitare d’ora in poi di parlare, facciamo un ripasso della Top Ten delle sue frasi rimaste scolpite.

«Vi prego di non chiamarmi arrogante, ma sono campione d’Europa e credo di essere speciale» –2004 – Conferenza di presentazione al Chelsea

«Wenger ha un vero problema con noi e credo che lui sia quello che in Inghilterra si chiama voyeur. Gli piace guardare» – 2005

«Ma io non sono un pirla» – 2008 – Conferenza di presentazione, in risposta ad una domanda su Lampard

«Lo Monaco? Io conosco il monaco del Tibet, il Principato di Monaco, il Bayern Monaco, il Gran Prix di Monaco. Non ne conosco altri» – 2008

«A me non piace la prostituzione intellettuale, a me piace l’onestà intellettuale» – 2009

«Io parlo con la stampa perché sono obbligato. Spalletti parla prima della partita, parla durante l’intervallo e parla dopo la partita: è “primetime”, è amico di tutti» – 2009

«Due per noi e zero per gli altri, dico questo con la stessa tranquillità di chi accetterebbe “Inter zeru tituli”, due per noi e uno per la Lazio, per la Juve zero e Milan zero, però questo è il calcio» – 2009

«Nella storia della Champions c’è un solo club e un solo allenatore che erano sul tre a zero e hanno perso la finale» – 2010

«Cruijff dice che non sono un esempio per i giovani? Non ricordo una mia squadra che ha perso e i miei avversari non hanno potuto festeggiare in campo perché avevamo azionato gli idranti» – 2010 – Riferito al Barcellona

«Sarei un mediocre? Rispetto le opinioni di tutti, anche quelle di Zeman. Scusi, ma dove gioca questo Zeman? Lo cercherò su google» – 2012