Lazio- Juventus: tutto sulla finale di Coppa Italia 2015

juventus lazio

– Juve è sempre stata una sfida dove l’intensità e il bel gioco regnano sovrani. Il primo scontro diretto fra queste due squadre risale al 12 Febbraio 1930 quando i bianconeri strapparono 3 punti ai biancocelesti vincendo per 0-1. La prima vittoria degli aquilotti arriverà poco tempo dopo, infatti in una fredda Domenica sempre nel 1930 i capitolini si imposero per 2-1 sulla Vecchia Signora. Gli scontri diretti (152 totali) sono nettamente a vantaggio della che conduce con 77 vittorie, la Lazio dal canto suo ne ha totalizzate 37, ed i pareggi sono stati sono 38. Queste due squadre si sono affrontate in una finale di quando ancora si disputava con la formula dell’andata e ritorno. Nella stagione 2003-04, il doppio confronto sorrise ai biancazzurri, che vinsero all’andata per 2-0 all’Olimpico ed al ritorno seppero recuperare il doppio svantaggio e pareggiare per 2-2. Sulla panchina biancoceleste sedeva l’attuale tecnico dell’Inter Mancini. In totale, nei precedenti 21 incontri validi per la coppa nazionale il bilancio dice: 8 vittorie biancocelesti, 7 pareggi e sei vittorie bianconere.

L’ultimo trionfo in “ Tim Cup “ per gli Aquilotti risale a 2 anni fa. Sicuramente tutti i Laziali ricorderanno per sempre quella finale. Il 26 Maggio 2013 infatti i laziali vinsero il derby in finale con un gol siglato da Lulic al minuto 71. L’ultima Coppa vinta dai piemontesi risale all’11 Giugno 1995. L’andata si giocò il 7 Giugno 1995: a trionfare furono le “ Zebre“ per 1-0. Mentre nella partita di ritorno la Juventus si impose al Tardini per 2-0, aggiudicandosi il nono trofeo e vendicando la sconfitta nella finale di Coppa Uefa.
La “Madama” dopo aver centrato la finale di Champions League e la vittoria anticipata del Campionato vorrà sicuramente mettere la ciliegina sulla torta a quest’annata aggiudicandosi la vittoria della Coppa Italia, se così fosse si saprà se realmente la storia della famosa “ Stella D’argento “ resterà un mito o verrà sfatata.

Questo interessante retroscena risale al 1958. Proprio quando la Juventus vinse il decimo campionato, il Coni decise di premiare questa impresa regalando la “ Stella D’oro “ al presidente Umberto Agnelli che rimase contento ed entusiasta di quella scelta. La famosa “ Stella D’oro “ che al giorno d’oggi vediamo cucita sulle divise dei clubs con più di 10 campionati vinti. Per quanto riguarda la “Stella D’Argento “ invece si vocifera che per il momento anche se la Juventus dovesse trionfare essa rimarrà una banale leggenda. Dall’altra parte i Biancocelesti che dopo aver disputato un’annata ricca di successi e glorie vogliono continuare a vincere per arricchire il loro Palmarès, d’altronde vincendo la finale porterebbero a casa la settima Coppa Italia.

Passando all’angolo tattico Allegri dovrebbe partire col 4-3-1-2: in porta confermato l’Italiano Storari, in difesa giocheranno come centrali Bonucci – Chiellini mentre ad alimentare il gioco sulle fasce troveremo a destra Evra e a sinistra l’ex Lichtsteiner. Il centrocampo sarà gestito da Pirlo che si piazzerà davanti la difesa, Pogba e Sturaro interni di centrocampo e infine Vidal che dovrà scaricar palla alla coppia Llorente – Tevez. Pioli risponde col 4-3-3: in porta ritornerà titolare Marchetti, in difesa troveremo il duo centrale Mauricio – De Vrij mentre come terzini Basta e Radu con il compito di svolgere fase offensiva e difensiva. Il centrocampo sarà composto dal trio Parolo – Ledesma – Lulic, quest’ultimo con il ruolo di interditore e allargare il gioco verso gli esterni offensivi F.Anderson – Candreva che a loro volta dovranno inventare e sfornare assist al “ Panzer “ tedesco Klose.
L’arbitro sarà Orsato di Montecchio Maggiore, proprio con il direttore di gare 39-enne i Laziali vinsero il derby in finale di Coppa Italia. Pioli non ha mai battuto Allegri, ma chissà che non scelga proprio la finale di Coppa Italia per spezzare questo tabù?

Autore: Claudio Micalizzi