Guaraldi attacca Tacopina: patti non mantenuti per il Bologna

Attacco frontale da parte dell’ex presidente del Bologna Guaraldi nei confronti dei nuovi vertici rossoblù. In una nota pubblicata a nome della società Bologna 2010, il nuovo numero uno felsineo, l’americano Joe Tacopina “non ha prodotto nei termini stabiliti del 15 novembre 2014 la fidejussione di euro 5.874.200, violando il contratto relativo alla cessione di Bologna Fc 1909. Tacopina, in merito a questa situazione, ha rilasciato dichiarazioni non veritiere, forse pensando solo alla ribalta mediatica.  L’intenzione dei soci di Bologna 2010 non sarebbe quella di rientrare in possesso delle quote della società rossoblù, anche se questo è previsto dal contratto. L’unica soluzione è il rispetto dell’accordo per intero e nelle sue parti, per garantire dignità e forza economica al Bologna Fc, unica ragione per le quali sono state cedute le quote. A tal fine i soci di Bologna 2010 agiranno nei modi e nelle sedi più opportune”.

Serie B: contro il calcioscomesse Abodi introduce il difensore civico

Nel corso del convegno progetto «Stop Match Fixing», tenutosi a Roma presso Unioncamere, il presidente della Lega di Serie B Abodi ha presentato la proposta che sarà introdotta nel prossimo torneo cadetto, ovvero la figura del “difensore civico” che lavorerà fianco a fianco di tecnici e calciatori per informarli sui comportamenti che potrebbero essere passibili di sanzioni. E ricordando che il lavoro deve partire dalla base, ha dichiarato: «Se non c’è credibilità si perde tutti. Ecco perché la formazione deve partire dal basso per poi alzare il livello dell’impegno senza equivoci, perché esistono fatturati di varia natura che sono interdipendenti tra di loro. Ma l’etica viene prima delle palestre».

Bari: domani in tribunale per il fallimento

Mancano ancora solo poche ore al fallimento del Bari calcio, operazione che però consentirà ai pugliesi di mantenere il titolo sportivo. L’amministratore unico della società biancorossa Franco Vinelli ha infatti annunciato che domani mattina si presenterà nel tribunale del capoluogo pugliese per consegnare i libri contabili. Per quel che riguarda la regolarità della stagione sportiva non dovrebbero sorgere problemi, in quanto la procedura rispetta le Norme Noif, seguite recentemente anche dall’Ascoli.

Reggina si cambia ancora: torna Atzori al posto di Castori

Come recita il comunicato apparso sul sito ufficiale del club amaranto, la Reggina cambia nuovamente tecnico. Licenziato il subentrato Castori che non ha dato quella svolta alla squadra che il presidente Foti si aspettava avvenisse e ritorna a guidare i calabresi dalla panchina Gianluca Atzori, come ad inizio stagione.

Reggina: solidarietà alle Filippine dopo il disastro

Sabato sera alle 20.30 lo stadio Granillo rivivrà il fascino della Serie A quando si sfideranno Reggina e Palermo con ambizioni al momento opposte: gli amaranto puntano a risalire la china della classifica mentre gli uomini di Iachini non vogliono più fermarsi per garantirsi l’accesso diretto alla massima categoria.

Ma sarà anche l’occasione per dimostrare la solidarietà al popolo delle Filippine dopo il tremendo tifone Haiyan che ha devastato l’arcipelago asiatico. Il club del Presidente Foti ha infatti deciso di destinare parte dell’incasso della gara alle organizzazioni umanitarie intervenute dopo la catastrofe naturale. e come recita il comunicato ufficiale apparso in mattinata sul sito ufficiale” La Reggina aprirà eccezionalmente già da oggi e per l’intera settimana, dunque non unicamente nel weekend come di consueto, la biglietteria del Centro S.Agata. Attiva la promozione che permette di acquistare due biglietti di Curva Sud per Reggina-Palermo ad un prezzo complessivo di 15 euro per incoraggiare l’afflusso dei tifosi amaranto e di chiunque voglia rendersi partecipe di questa iniziativa, cui parteciperà anche il Century Store per incrementare la raccolta”.

Il Novara perde 5-0 ed il ds Cattani chiede scusa

Trasferta indimenticabile, in senso negativo per i piemontesi del Novara che, dopo l a sconfitta nel posticipo di lunedì sera, oggi sono stati travolti dalle Fere della Ternana in terra umbra. Il sonoro 5-0 che marchia il sabato pomeriggio novarese ha spinto il ds Cattani a fare una dichiarazione di ammissioni di colpa sincera: E’ disarmante e chiediamo scusa alla proprietà, alla tifoseria e a tutti. È stata una brutta giornata e ci spiace per coloro che hanno fatto tanti chilometri per seguirci. Ci possono fare ben poco con le nostre scuse e soprattutto dopo che la prestazione di oggi segue ad altre due partite negative. C’è stato un accenno di reazione dopo l’uno a zero ma non è bastato. Dobbiamo fare ben altro per far punti e bisogna capirlo in fretta. L’allenatore si è reso conto del momento ed è tra i più dispiaciuti; non dobbiamo lasciare abbatterci e reagire con senso di orgoglio, di appartenenza e personale. Oggi siamo andati in difficoltà subito, poi per 20 minuti siamo riusciti a rimanere a galla fino all’episodio del gol subìto con un uomo in meno. È colpa nostra non della sfortuna, non ci dobbiamo nascondere, siamo i primi responsabili e ci spiace per tutti quelli che erano in attesa di una riscossa oggi, tifosi e società. Il mister non è a rischio ed è il primo a rendersi conto della situazione ed è dispiaciuto e responsabile quanto me: ha lavorato, ce la sta mettendo tutta e son sicuro che ha le qualità tecniche professionali e morali per tirar fuori la squadra da questo momento. C’è sconcerto per una partita che oggi non abbiamo giocato, ma siamo affondati in un momento di difficoltà. Non do la squadra per morta e speriamo che possa finire al più presto questo momento. Oggi faccio una difficoltà terrificante a dire qualcosa in più oltre che a chiedere scusa. Non è questione di acquisti ma un problema generale di squadra e quindi ci vuole l’orgoglio di rimettere a posto la situazione.”

Siena : arriva un’altra penalizzazione di due punti

Ulteriore discesa in classifica per il Siena che ha ricevuto in giornata la sanzione di due punti mentre il presidente Mezzaroma è stato inibito per il mancato rispetto del regolamento CO.VI.SOC. Di seguito il comunicato in cui vengono inclusi altri club per il medesimo reato.

“Due punti di penalizzazione in classifica al Siena, da scontarsi nella corrente stagione sportiva, e quattro mesi e dieci giorni di inibizione al presidente della società Massimo Mezzaroma; quattro punti di penalizzazione per il Vicenza, due punti alla Nocerina, un punto al Rimini, al Chieti, all’Aurora Pro Patria e a Bellaria Igea Marina, tutti per violazioni al regolamento CO.VI.SO.C.. Sono queste le decisioni adottate nella riunione odierna dalla Commissione Disciplinare Nazionale presieduta da Salvatore Lo Giudice.”

Serie B: gli arbitri del week end

Avellino – Empoli (Lunedì 30/09 H. 19.00) Nasca (Peretti – Lo Cicero Iv: Marini; Oa: Capraro)                                                                                                                                 Cesena – Pescara (Lunedì 30/09 H. 21.00) Ciampi (Melloni – Liberti; iv: Mariani; oa: Daneluzzi)                                                                                                                             Cittadella – Crotone Di Bello (Carbone – Calò; iv: Giovani; oa: Cavanna)                               Lanciano – Bari Chiffi (Valeriani – De Troia; iv: Albertini; Oa: Natilla)                                       Latina – Brescia Di Paolo (Di Francesco – Bellutti; iv: Verdenelli; Oa: Calabrese)             Modena – Padova Ghersini (Di Iorio – Marinelli; Iv: Ros;  Oa: Braccini)                     Palermo – Juve Stabia Merchiori (Tegoni – Avellano; Iv: Pasqua Oa: Arena)                       Reggina – Carpi Saia (Citro – Zivelli; Iv: Rocca; Oa: Anfuso)                                               Siena – Trapani Ostinelli  (Chiocchi – Di Vuolo;  iv: Pelagatti; oa: Papini)                             Spezia – Novara Candussio (Ciancaleoni – Tolfo; iv: Brasi; oa: Blanchi)                             Varese – Ternana Roca (Paiusco – Mondin; iv: Bellotti; Oa: Amoretti)

Ufficiale: Giampaolo rescinde con il Brescia

Dopo la breve fuga dalla città lombarda, con la comunicazione che si trovava tranquillamente nella casa di villleggiatura a Giulianova, Giampaolo è risalito a Brescia per definire, assieme al proprio legale, la rescissione con la società presideuta da Gino Corioni

Ed in un comunicato all’ANSA ha reso note le personali motivazioni che lo hanno spinto a concludere anzitempo l’avventura con le Rondinelle: “Lascio il Brescia, e lo faccio con comprensibile amarezza. La mia irrevocabile decisione dipende da uno stravolgimento degli obiettivi della società non più in linea con quelli programmati. A malincuore e con comprensibile amarezza confermo la mia volontà, già manifestata domenica al direttore sportivo Andrea Iaconi e a Fabio Corioni, di rassegnare le dimissioni da allenatore responsabile della prima squadra del Brescia. Tale irrevocabile decisione è dipesa da uno stravolgimento degli obiettivi della società non più in linea con quelli programmati all’inizio della stagione sportiva”.

Serie B: arbitri e squadre insieme per un giorno

“Per la prima volta un arbitro della Can B parteciperà a una giornata di lavoro nelle 22 sedi in modo che ci sia una sempre più profonda conoscenza delle regole e si abbassi il profilo delle polemiche. L’Aia si apre e non si chiude, una dialettica che consente una maggiore familiarizzazione con il regolamento e fra le persone nella distinzione dei ruoli”. L’importante dichiarazione è stata fatta dal presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, in occasione dell’incontro di ieri tra i rappresentanti di tutte le 22 società di Serie B a Coverciano per il tradizionale incontro con il presidente dell’Aia Nicchi e il designatore della Serie B Messina.

“Abbiamo deciso di anticipare questo appuntamento – ha aggiunto il presidente della Figc Giancarlo Abete– sia per accogliere le richiesta delle società, che volevano avere delucidazioni in merito all’interpretazione della regola del fuorigioco sia perché avremo così la possibilità di organizzare un secondo incontro a metà stagione”.