Luis Suarez: se mi fischiano al Bernabeu, mi esalto

Luis-Suarez-527804

Tornano i campionati in Europa dopo la pausa per le nazionali e se in Italia, ci sarà il big match Juventus-Milan, sempre sabato la Liga proporrà il Clasico Real Madrid – Barcellona, con i blancos che inseguono in classifica i rivali catalani.

E nell’odierna conferenza stampa l’attaccante uruguaiano Luis Suarez, che torna in quel Santiago Bernabeu che nell’anno passato lo “battezzò” dopo i quattro mesi di squalifica per il morso a Chiellini, si è detto pronto per la sfida ed ha rafforzato il concetto: ” Sono contento perchè la squadra sta andando bene nelle ultime partite. Ho voglia di vincere e concludere la partita nel miglior modo possibile”. e come ha dichiarato nei giorni passati il compagno di squadra Piquè, l’atmosfera della Capitale non gli fa paura, anzi: ” Sappiamo bene come è Gery (Piquè). Anche io sono stato fischiato negli stadi inglesi e questo mi da una motivazione maggiore. Uno è un professionista e conto solo questo”, ha precisato Suarez.

Che si stia aspettando il peggior ambiente per dare il meglio? Sabato sarà una corrida, questo è sicuro, ma il Barcellona non  vuole essere incornato dal Matador blanco.

Cristiano Ronaldo: doppietta vs Malmo, diventa bomber all-time del Real Madrid

cristiano ronaldo

Non è serivito al Malmo lo stratagemma di ridurre il terreno da gioco prima del match di Champions League contro il Real Madrid: con il 2-0 di ieri sera, siglato da Cristiano Ronaldo, il portoghese è diventato il bomber di tutti i tempi della storia delle merengues. Ma qui entra in gioco una curiosità: se per la totalità dei siti e dei media CR7, al momento, è arrivato a quota 323 ( in sole 308 partite!) nella classifica di tutti i tempi, raggiungendo Raul, per Marca il numero 7 madrileno è invece già l’attuale top-scorer con 324.

La questione nasce in quanto i tabellini di Marca, storico quotidiano sportivo della capitale e da sempre molto vicino ai bianchi di Spagna, fanno fede per la classifica dei cannonieri (Pichichi). Nel settembre 2010, il Real Madrid sbancò il campo del Real Sociedad per 2-1, con la rete della vittoria che arrivò in seguito ad una punizione calciata da Cristiano Ronaldo. La sfera colpì in barriera Pepe e finì alle spalle del portiere basco: il giornalista inviato da Marca indicò nel tabellino il portoghese come autore del goal, facendo così nascere il contraddittorio fra gli amanti della statistica.

Tuttavia non ci sono molti dubbi sul fatto che CR7 non possa diventare ben presto il vero primatista della storia del Real Madrid. E nel prossimo week-end c’è il derby con l’Atletico…..

Iker Casillas: tributo al portiere – leggenda del Real Madrid

casillas

Iker Casillas è ormai destinato a salutare il Real Madrid. La sua prossima destinazione sarà il Porto e se geograficamente, la distanza non è enorme, gigantesco sarà il vuoti , tecnico e d’affetto, che lascerà nel cuore dei tifosi dei blancos. Ecco il giusto tributo al portiere (725 presenze!) che può vantare un palmares invidiabile con il Real:

5 Liga – 4 Supercoppe di Spagna – 2 Coppe del Re – 3 Champions League – 2 Supercoppe Europee – 2 Coppe Intercontinentali/ Mondiali per Clubs

Cristiano Ronaldo vende i diritti d’immagine al boss del Valencia!

 

ronaldo

Cambio aziendale in casa Cristiano Ronaldo: CR7 ha infatti annunciato la vendita dei suoi diritti d’immagine al magnate di Singapore Peter Lim, principale azionista del Valencia, club che milita nella Liga. Con un messaggio pubblicato sul sito personale, Ronaldo ha dichiarato di aver compito una mossa strategica per lo sviluppo nel mercato asiatico.

“sono molto emozionato nell’annunciare il mio ultimo accordo con l’impresa Mint Media, di proprietà del mio buon amico Peter Lim, imprenditore di Singapore, in merito all’acquisizione dei miei diritti d’immagine.

Nel 2013 i diritti furono oggetto del contratto con il Real Madrid, quando venne accordato all’asso portoghese il rinnovo del vincolo fino al 2018 e CR7 mantenne il controllo di più del 50% dei diritti.

Real Madrid: le nuove maglie 2015-16

Real-Madrid-maglia portiere trasferta 2015-16

Sarà una Liga 2015-16 ancora diversa per il Real Madrid: il cambio in panchina, passando da Carlo Ancelotti a Rafa Benitez, vuole i blancos agguerriti dopo una stagione in cui,  sembra un gioco di parole, sono rimasti in bianco in termini di trofei. Con il triplete realizzato dal Barcellona, per Cristiano Ronaldo e soci ci sarà da battagliare per riprendersi la vetta del calcio spagnolo.

Confermato lo sponsor Fly Emirates, il Real adotterà la classica divisa bianca per i matches casalinghi. Le spalle invece vedranno la presenza di sottili strisce grigio argento. in alto invece, la divisa da trasferta dei portieri, chissà se sarà ancora Iker Casillas ad indossarla…

maglia Real-Madrid-2015-2016

Spagna: per ogni punto del Real Madrid, Peres spende 8K di euro!

liga 2014

Il Real Madrid è la squadra più costosa dell’intera Liga Spagnola per rendimento. Sono infatti ben 8K milioni di euro, (esattamente 7,73) il costo di ogni punto realizzato in classifica dai blancos del Presidente Florentino Peres. Segue il Barcellona (6,29) posizione determinata dal fatto che il monte ingaggi delle due big di Spagna è davvero oltre i limiti di spesa per qualunque altra compagine iberica, tanto che sul terzo gradino del podio si piazza l’Atletico Madrid che non è riuscita a ripetere la straordinaria stagione passata.

La squadra più economica del torneo è il piccolo Eibar, che può annoverare fra le sue fila anche l’attaccante italiano Piovaccari. Appena 810.000 euro per ogni punto strappato sul campo, che non sono valsi la salvezza diretta, essendo il club arrivato terzultimo in graduatoria, ma salvo a causa dello scandalo finanziario dell’Elche che è stato retrocesso dalla federazione spagnola in conseguenza dei gravi dissesti finanziari del club valenciano.

 

squadra monte ingaggi punti media punto
Real Madrid 710,8 92 7,73
Barcellona 591,5 94 6,29
Atlético  Madrid 342,5 78 4,39
Valencia 221 77 2,87
Córdoba 43,4 20 2,17
Real Sociedad 95,5 46 2,08
Siviglia 155,8 76 2,05
Athletic Bilbao 111,2 55 2,02
Villarreal 115,8 60 1,93
Granada 62,5 35 1,79
Deportivo La Coruña 51 35 1,46
Málaga 72,6 50 1,45
Espanyol 59,5 49 1,21
Celta Vigo 60,4 51 1,18
Getafe 43,8 37 1,18
Almería 35,6 32 1,11
Levante 40,5 37 1,09
Rayo Vallecano 47,7 49 0,97
Elche 38,6 41 0,94
Eibar 28,4 35 0,81

NOTA: in rosso i clubs retrocessi in Segunda Division, in neretto la squadra campione di Spagna, in corsivo le squadre ammesse alla prossima Champions League

I calciatori che hanno giocato nel Barcellona e nella Juventus

stadio

Barcellona Juventus
giocatore nazionalità stagioni vittorie stagioni vittorie
Michael Laudrup Danimarca 1989-1994 5 Liga, 1 Coppa di Spagna, 2 Supercoppe, 1 Coppa dei Campioni, 1 Supercoppa UEFA 1985-1989 1 scudetto, 1 Coppa Intercontinentale
Thierry Henry Francia 2007-2010 2 Liga, 1 Coppa di Spagna, 1 Supercoppa di Spagna, 1 Champions League, 1 Supercoppa UEFA, 1 Mondiale per club 1998-1999*
Edgar Davids Olanda 2004*** 1997-2004** 3 scudetti, 2 Supercoppe
Gianluca Zambrotta Italia 2006-2008 1 Supercoppa 1999-2006 3 scudetti, 2 Supercoppe
Lilian Thuram Francia 2006-2008 1 Supercoppa 2001-2006 2 scudetti, 2 Supercoppe
Martín Cáceres Uruguay 2008-2009 1 Liga, 1 Coppa di Spagna, 1 Champions League 2009-2010 e poi 2012****-ora 4 scudetti, 2 Supercoppe, 1 Coppa Italia
Zlatan Ibrahimovic Svezia 2009-2010 1 Liga, 2 Supercoppe di Spagna 2004-2006

Real ed Atletico Madrid: la FIFA sarebbe pronta a bloccare il loro mercato !

L’indiscrezione rivelata dal quotidiano catalano El Mundo Deportivo nella sua versione online ha dell’incredibile se fosse vera: Real Madrid ed Atletico Madrid sarebbero prossime ad essere sanzionate dalla FIFA per aver tesserato giocatori minorenni provenienti da altri paesi se non in casi particolari, contravvenendo alla norma che ha già visto il Barcellona punito con l’impossibilità di operare nel prossimo mercato estivo e di gennaio 2016 in entrata.

Sempre secondo le fonti vicino al giornale catalano, i due clubs della capitale si vedrebbero chiuse le porte ingresso per le prossime due sessioni di mercato

Sergio Ramos senza scarpa in Celta Vigo – Real Madrid

E’ capitato qualche volta di vedere un calciatore segnare senza una scarpa, ma in questa occasione invece per Sergio Ramos si tratta di una cosa negativa, sportivamente parlando. Nell’azione che poi porta al primo goal del Celta Vigo, il difensore del Real Madrid perde una scarpetta e non riuscendo a rimettersela, corre a difendere la porta. Nulla di più inutile: Nolito riesce infatti a trovare il varco giusto facendo passare il pallone approfittando del piede scalzo di Sergio Ramos. Tuttavia il Real porterà in porto il risultato finale sbancando per 4-2 il campo di Vigo e rimanendo incollato al Barcellona capoclassifica.