Consigli scommesse: cosa aspettarsi dalla giornata 30?

ATALANTA-SAMPDORIA: scontro tra due squadre che, virtualmente, sono già salve. A rispettivamente 33 e 35 punti, e con ancora 9 gare da disputare, sembra proprio che bergamaschi e genovesi giocheranno nella massima serie anche la prossima stagione; senza “scannarsi”, e visto lo scontro diretto tra Genoa e Siena, ci si potrebbe accontentare di un pareggio. Esito consigliato: X

CAGLIARI-FIORENTINA: partita da tripla tra due team in salute; i sardi in casa, ultimamente, stanno facendo bene, la Viola, che in trasferta non ha un rullino di marcia entusiasmante, è però reduce dalla pesante vittoria all’Olimpico contro la Lazio; il pareggio non è da escludere. Ma visto il già citato stato di salute delle due squadre…Esito consigliato: GG

GENOA-SIENA: match delicatissimo per la permanenza in A; pareggio inutile a entrambe. Esito consigliato: 12 

INTER-JUVENTUS: sfida che ha sempre regalato grandi emozioni: in caso di vittoria, gli ospiti metterebbero una seria ipoteca sul tricolore; d’altro canto, l’Inter, in caso di sconfitta, si allontanerebbe ulteriormente dal terzo posto, e inoltre, infrangere (per lo meno momentaneamente) i sogni scudetto della Juventus non avrebbe prezzo. Ma visto il margine di vantaggio della Juventus sul Napoli secondo, e l’imminente quarto di Champions in Baviera…Esito consigliato: 1X

LAZIO-CATANIA: biancocelesti in corsa su più fronti, etnei rivelazione del campionato: si prospetta una sfida a grandi livelli. La Lazio è reduce da 3 sconfitte consecutive in campionato e deve riprendersi per sperare nel tanto agognato piazzamento champions, il Catania, in trasferta, non entusiasma come al Massimino…Esito consigliato: 1

PALERMO-ROMA: siciliani in crisi nera, il presagio della cadetteria è sempre più vicino; Roma, rivitalizzata dalla cura Andreazzoli in cerca di punti pesanti; la sfida potrebbe regalare una valanga di reti. Esito consigliato: Over 2.5

PARMA-PESCARA: due squadre non al meglio; nelle ultime 5 giornate: 5 sconfitte per gli abruzzesi, 4 per i parmensi. Questi ultimi hanno però la (quasi) certezza della salvezza, e una rosa nettamente superiore a quella degli avversari…ma non sono esclusi colpi di scena…Esito consigliato: 12

UDINESE-BOLOGNA: sfida quasi ad armi pari; i friulani vantano 6 punti in più dei bolognesi, che dalla loro, hanno un migliore stato di condizione. Esito consigliato: Under 2.5

CHIEVO-MILAN: rossoneri alla caccia di punti per agguantare il Napoli; i veronesi devono gestire in 9 giornate i 10 punti di vantaggio sulla zona calda e l’obiettivo sembra alla portata. Per maggior motivazioni: Esito consigliato: 2

TORINO-NAPOLI: i piemontesi godono di una tranquilla posizione di classifica; i napoletani, che sono tornati alla vittoria proprio nell’ultimo match contro l’Atalanta, cercano la riconferma. Ci si aspetta una partita molto tattica in cui le due squadre si temono. Esito consigliato: Under 2.5

Alessandro Chessa

 

Corini: salvezza e poi un futuro importante?

Saggio vuole mostrarsi Eugenio Corini, a dispetto del suo soprannome con cui veniva chiamato quando si trovava in mezzo al campo a gestire le squadre in cui ha militato. Ed una volta passato a dirigere dalla panchina, si è mostrato tecnico abile a lavorare in silenzio, senza troppi proclami.

Ecco dunque che , con il Chievo ormai indirizzato verso una tranquilla salvezza  non si mostra spavaldo ma pensa solo e soltanto la match di sabato 30 marzo contro il Milan: «Al momento ho in testa solo il Milan e di fare più punti possibili da qui alla fine della stagione – ha detto al tg gialloblu – Non ci vogliamo affatto fermare anche perché la matematica non dice ancora che siamo salvi. Sono assolutamente tranquillo e ad oggi soddisfatto del lavoro svolto. La società farà le proprie valutazioni e insieme parleremo e decideremo».

Thereau, dal Chievo ad una big, è il momento per il grande balzo

Il francese dei clivensi non è stufo dell’Arena di Verona, ma anzi ringrazia la dirigenza per averlo fatto conoscere al grande calcio, ma dopo l’ennesima prestazione chiave per la salvezza dei gialloblu , alza il tiro ai microfoni di Rmc e dichiara le sue prossime intenzioni: «Mi sono prefissato l’obiettivo di chiudere la stagione in doppia cifra, sarebbe gratificante per me. Gioco con questa maglia da due anni ormai: per me è arrivato il momento di cambiare aria. Voglio approdare in un grande club come Fiorentina, Lazio o Roma, anche se ci tengo a precisare che a Verona ho avuto tanto».

Inter – Chievo: il tabellino

Inter 3-1 Chievo Verona

Inter (4-3-3): 1 Handanovic; 4 Zanetti, 23 Ranocchia, 40 Juan Jesus, 55 Nagatomo; 19 Cambiasso, 17 Kuzmanovic, 21 Gargano; 8 Palacio, 22 Milito, 99 Cassano. A disposizione: 27 Belec, 30 Carrizo, 5 Stankovic, 6 Silvestre, 7 Schelotto, 11 Alvarez, 18 Rocchi, 31 Pereira, 42 Jonathan. Allenatore: Andrea Stramaccioni.

Chievo Verona (4-3-1-2): 1 Puggioni;  3 Andreolli,  51 Acerbi, 2 Dainelli, 13 Jokic; 14 Cofie, 16 Rigoni, 7 Seymour; 56 Hetemaj; 43 Paloschi, 77 Thereau. A disposizione: 18 Squizzi, 88 Ujkani, 4 Spyropoulos, 10 Luciano, 12 Cesar, 17 Sampirisi, 21 Frey, 25 Vacek, 26 Farkas, 27 Hauche, 31 Pellissier, 33 Papp.Allenatore: Eugenio Corini.

Marcatori: 1’pt Cassano, 20’pt Rigoni, 26’st Ranocchia, 4’st Milito
Ammoniti: Rigoni, Ranocchia

Inter – Chievo: solo una volta i veneti fecero festa

Inter – Chievo si è disputata 10 volte, con un bilancio di 7 vittorie dei nerazzurri, 2 pareggi ed un solo successo ospite.
L’unica vittoria del Chievo arrivò nel 2001-02 15esima giornata,  il primo anno dei veronesi in serie A quando sbancarono San Siro per 1-2 con reti di Vieri, Corradi e Marazzina
L’ultima vittoria dell’Inter è invece dell’anno scorso stagione 2011-12 8° turno per 1-0 grazie a Thiago Motta poi passato  al PSG.
L’ultimo pareggio è del 2003-04 25° turno 1-1 , reti di Martins e Mandelli e da li in avanti in 6 partite ci sono state 6 vittorie nerazzurre.
Il bilancio delle reti reti vede gli interisti  prevalere per 20-12 ed il secondo tempo è portatore di reti perchè la divisione delle reti fra  prima e seconda frazione vede per l’Inter una divisione di 9-11 mentre per il Chievo il divario è ancora più netto con i parziali di 3-9.

Per Thereau è arrivato il momento di crescere

Dopo due stagioni e mezzo al Chievo, alla soglia dei 30 anni, per il francese Thereau è arrivato  il momento di provare a fare il salto verso un top club. Dopo il goal alla Juventus nel match di mezzogiorno di domenica scorsa, questo week end ci sarà l’Inter nel posticipo ad incrociare il percorso dei veronesi verso la salvezza.

Ma Cyril guarda già anche alla prossima estate: “Arrivare in una grande squadra è il desiderio di qualsiasi giocatore. Resto concentrato sul discorso salvezza, obiettivo principale al momento, ma in estate farò le mie valutazioni perché vorrei riuscire a conquistare un posto nella Francia”.

La Juventus risponde al Napoli: Matri super goal alla Van Basten (VIDEO)

Napoli bussa. Juventus risponde. L’11 di mister Conte si impone con un ottimo 2.1 a Verona, sponda Chievo mantenendo i 3 punti di vantaggio contro il Napoli. Da segnalare il bellissimo goal di Alessandro Matri che ha sbloccato il risultato: una vole’ che a molti ha ricordato una simile prodetta di Marco Van Basten. Tutta da gustare.

http://youtu.be/PP8W6262S3Y

Chievo- Juventus: dura vincere per i veneti…..

Nove gli incontri al Bentegodi di Verona fra Chievo e Juventus: 1 sola vittoria dei padroni di casa contro le 5 ospiti e tre pareggi. Sei i goal dei clivensi contro i ben 14 marcati bianconero; mentre i veneti dividono equamente fra primo e secondo tempo le marcature (3 per parte), gli juventini segnano di più nei primi 45 minuti (8) mentre nella seconda frazione si fermano a 6.

L’unica vittoria del Chievo arrivò nel 2008-09 per 1-0 grazie ad una rete di Sardo mentre l’ultimo scalpo bianconero è targato 2007-08 quando sbancò Verona per 2-0 (Del Piero e Iaquinta). La scorsa stagione ci fu invece un pareggio a reti inviolate.

Ufficiale: Sorrentino lascia il Chievo e va a Palermo

Il Palermo Calcio comunica di avere raggiunto con il Chievo Verona un accordo per l’acquisizione del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Stefano Sorrentino. Il portiere, che ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2016, si trasferisce al club rosanero a titolo definitivo.

Come riporta la Gazzetta dello Sport Sorrentino il problema era come ripartire il pagamento su due anni ma è stato risolto: 3 milioni subito, uno in estate.
Il giocatore verrà presentato questo pomeriggio alle ore 18.00 presso la sala stampa dello stadio “Renzo Barbera” (secondo piano, torre Sud).