Fiorentina: per la sfida contro il suo ex Catania Montella chiama anche Matri

Sfida dolce amara domani al Massimino di Catania, dove i rossoazzurri padroni di casa, contro il loro ex tecnico Montella, proveranno a risalire la china dopo la burrascosa sconfitta in Coppa Italia per 4-1 contro il Siena che è costata l’esonero di De Canio ed il reintegro di Maran che così tanto bene aveva fatto nella scorsa stagione.

Sul fronte viola dopo i botti iniziali della campagna di riparazione, che hanno portato al momento ben tre giocatori a Firenze, il tecnico Montella ha chiamato 23 giocatori,, fra cui anche l’ex milanista Matri: Ambrosini, Aquilani, B. Valero, Bakic, Compper, Cuadrado, Fernandez, Ilicic, Joaquin, Lupatelli, Matri, Neto, Pasqual, Pizarro, Rebic, Rodriguez, Roncaglia Rosati, Ryder, Savic, Tomovic, Vargas, Vecino e Wolski.

Dal canto suo invece Maran risponde con identico numero di convocati, facendo leva sul ritorno di parecchi infortunati che erano mancati nella prima parte di stagione:

PORTIERI: 21 Andujar, 35 Ficara, 1 Frison.

DIFENSORI: 14 Bellusci, 34 Biraghi, 33 Capuano, 24 Gyomber, 6 Legrottaglie, 18 Monzon, 5 Rolin, 3 Spolli.

CENTROCAMPISTI: 28 Barrientos, 19 Castro, 17 Guarente, 13 Izco, 8 Plasil, 15 Rinaudo.

ATTACCANTI: 9 Bergessio, 23 Boateng, 26 Keko, 11 Leto, 12 Lopez, 32 Petkovic.

Roma – Catania: ma il 2 all’Olimpico in 16 incontri!

Statistiche fanno rabbrividire i tifosi siciliani: ultimi in classifica, si trovano ad affrontare sul terreno dell’Olimpico una Roma che, seppur reduce da 4 pareggi negli ultimi 5 matches, non è mai stata battuta sul proprio terreno dal Catania. I precedenti parlano chiaro: 12 vittorie giallorosse e 4 pareggi, con un bilancio delle segnature di 51-18 e la cosa particolare è che le due squadre sono molto prolifiche nella seconda parte di gara: 19-5 nei primi 45 minuti di gara mentre nella ripresa il saldo diventa ben 32-13.

Catania: Maran licenziato, arriva De Canio

Cambio in corsa per la squadra del Catania dopo la sconfitta di ieri sul terreno del Sant’Elia contro il Cagliari. Il trentino Maran lascia dopo una stagione eccellente che ha portato gli etnei ai limiti della zona Europa League, siglando il record di punti in una stagione con 56., a fronte dell’annata presente fatta di soli 5 punti.

Il sostituto Luigi De Canio, 56 anni, ha nel suo recente passato allenato Genoa, Lecce e QPR. Il debutto settimana prossima contro il  Sassuolo, fresco del suo primo successo in Serie A.

Catania: domani allenamento aperto al pubblico

Zero punti in tre partite sono il peggior risultato del Catania nelle ultime stagioni di Serie A, ma il Presidente Pulvirenti ha detto chiaramente che la fiducia al tecnico Maran è sempre tanta. Ed allora per far sentire alla squadra la vicinanza dei propri tifosi, lo staff dirigenziale ha deciso di tenere domani pomeriggio una seduta di allenamento aperta al pubblico. ecco il comunicato pubblicato sul sito etneo: “Catania apre le porte ai suoi tifosi: giovedì 19 settembre alle 15.00, a Torre del Grifo Village, allenamento a porte aperte. Per tutti gli sportivi e gli appassionati, una preziosa opportunità di vedere all’opera la prima squadra, serenamente e tenacemente impegnata nel lavoro necessario per giungere al riscatto. L’accesso alla tribuna sarà consentito, in considerazione della capienza omologata, fino ad esaurimento dei 1392 posti disponibili”.

Pulvirenti: il Catania farà un colpo a sorpresa

Conferenza stampa di fine partita per il presidente etneo Pulvirenti che è stato un fiume in piena dopo che ha assistito al tracollo del Catania contro un’Inter apparsa a tratti cinica. Ma il numero uno siciliano non è parso teso per lo zero in classifica ed ha anzi annunciato che sul fronte mercato l’ultimo giorno di trattative riserverà una sorpresa.

«Il risultato è giusto, l’Inter ha meritato il successo. Abbiamo trovato una squadra che stava bene fisicamente. Ci sono stati degli eventi che hanno comunque destabilizzato la squadra, come l’infortunio di Izco, quello di Alvarez, il rientro di Almiron dal primo minuto dopo tanto tempo. Barrientos? Quello che è successo ci ha colti di sorpresa. Fino a sabato mattina tutto era tranquillo e il ragazzo si è allenato regolarmente, poi è arrivata questa notizia all’improvviso. La sua clausola non è di 4 milioni di euro e non voglio dire a quanto ammonta. Lo scorso anno Barrientos era in scadenza di contratto e, per non perderlo, abbiamo dovuto fare così. Se non dovesse arrivare quest’offerta e non concretizzarsi quest’affare, Barrientos rimarrà un giocatore del Catania, questo mi pare ovvio. La sua è una situazione molto delicata, non è facile da risolvere. Cosa penso del mercato a campionato iniziato? Riceviamo offerte anche oggi: alle 19 è arrivata un’offerta per un giocatore che avrebbe poi giocato. Il mercato aperto crea grande difficoltà soprattutto a club come il nostro. Un’offerta reale per i nostri giocatori non è arrivata, si tratta di manovre di disturbo che creano scompiglio nell’ambiente. Plasil? Non so nulla, non lo conosco. Noi faremo un’operazione di mercato a prescindere dalla cessione di Barrientos. Il giocatore che arriverà domani è un acquisto sul quale stiamo lavorando da tempo.»

Pulvirenti fiducioso: Maran conosce bene il gruppo

Partenza per il “ritiro casalingo” per la truppa rossoazzurra del Catania. Il gruppo si è radunato nella serata di ieri a Torre del Grifo dove ha sede il centro  sportivo di proprietà della società etnea ed il suo numero uno Antonio Pulvirenti, ha voluto presentare la nuova stagione ai microfoni di Radio Sportiva: «Abbiamo iniziato ieri dopo oltre 50 giorni di ferie. Ho visto bene i ragazzi, si sono comportati da professionisti in vacanza. Il campionato è alle porte, questa fase è importantissima per tutta squadra e l´adrenalina aumenta. Maran conosce bene il gruppo, possiamo lavorare ancora meglio e partire bene per arrivare al traguardo della salvezza. Mi sembra ieri da quando sono diventato Presidente del Catania. Dobbiamo sempre pensare alla salvezza, poi noi cerchiamo di migliorarci come parco giocatori e struttura».

Rissa alla fine del derby siciliano: Andujar prende a pugni Barreto (VIDEO)

Una scena indecente ha caratterizzato gli ultimi secondi del derby finito ieri in pareggio 1-1 tra Catania e Palermo. Deplorevole la  mega rissa con scene da far west che hanno visto protagonisti, tra gli altri, Andujar che prende a pugni l’avversario Barreto poco dopo il pareggio della squadra etnea. Scene di cui faremmo volentieri a meno soprattutto considerando i poco felici precedenti incontri tra le due squadre. 
http://youtu.be/0HehgBy9Lu0

Consigli scommesse: cosa aspettarsi dalla giornata 30?

ATALANTA-SAMPDORIA: scontro tra due squadre che, virtualmente, sono già salve. A rispettivamente 33 e 35 punti, e con ancora 9 gare da disputare, sembra proprio che bergamaschi e genovesi giocheranno nella massima serie anche la prossima stagione; senza “scannarsi”, e visto lo scontro diretto tra Genoa e Siena, ci si potrebbe accontentare di un pareggio. Esito consigliato: X

CAGLIARI-FIORENTINA: partita da tripla tra due team in salute; i sardi in casa, ultimamente, stanno facendo bene, la Viola, che in trasferta non ha un rullino di marcia entusiasmante, è però reduce dalla pesante vittoria all’Olimpico contro la Lazio; il pareggio non è da escludere. Ma visto il già citato stato di salute delle due squadre…Esito consigliato: GG

GENOA-SIENA: match delicatissimo per la permanenza in A; pareggio inutile a entrambe. Esito consigliato: 12 

INTER-JUVENTUS: sfida che ha sempre regalato grandi emozioni: in caso di vittoria, gli ospiti metterebbero una seria ipoteca sul tricolore; d’altro canto, l’Inter, in caso di sconfitta, si allontanerebbe ulteriormente dal terzo posto, e inoltre, infrangere (per lo meno momentaneamente) i sogni scudetto della Juventus non avrebbe prezzo. Ma visto il margine di vantaggio della Juventus sul Napoli secondo, e l’imminente quarto di Champions in Baviera…Esito consigliato: 1X

LAZIO-CATANIA: biancocelesti in corsa su più fronti, etnei rivelazione del campionato: si prospetta una sfida a grandi livelli. La Lazio è reduce da 3 sconfitte consecutive in campionato e deve riprendersi per sperare nel tanto agognato piazzamento champions, il Catania, in trasferta, non entusiasma come al Massimino…Esito consigliato: 1

PALERMO-ROMA: siciliani in crisi nera, il presagio della cadetteria è sempre più vicino; Roma, rivitalizzata dalla cura Andreazzoli in cerca di punti pesanti; la sfida potrebbe regalare una valanga di reti. Esito consigliato: Over 2.5

PARMA-PESCARA: due squadre non al meglio; nelle ultime 5 giornate: 5 sconfitte per gli abruzzesi, 4 per i parmensi. Questi ultimi hanno però la (quasi) certezza della salvezza, e una rosa nettamente superiore a quella degli avversari…ma non sono esclusi colpi di scena…Esito consigliato: 12

UDINESE-BOLOGNA: sfida quasi ad armi pari; i friulani vantano 6 punti in più dei bolognesi, che dalla loro, hanno un migliore stato di condizione. Esito consigliato: Under 2.5

CHIEVO-MILAN: rossoneri alla caccia di punti per agguantare il Napoli; i veronesi devono gestire in 9 giornate i 10 punti di vantaggio sulla zona calda e l’obiettivo sembra alla portata. Per maggior motivazioni: Esito consigliato: 2

TORINO-NAPOLI: i piemontesi godono di una tranquilla posizione di classifica; i napoletani, che sono tornati alla vittoria proprio nell’ultimo match contro l’Atalanta, cercano la riconferma. Ci si aspetta una partita molto tattica in cui le due squadre si temono. Esito consigliato: Under 2.5

Alessandro Chessa

 

Lo Monaco contro il suo ex – Catania?

Dopo l’esperienza durata lo spazio di un’estate con il Genoa ed aver abbracciato Palermo per provare a diventare “grande”, Pietro Lo Monaco rischia di dover  tornare alla carica contro il suo passato, quel Catania che , a detta sua, dovrebbe ancora pagargli una parte dello stipendio, ovvero la quota spettante per il ruolo di a.d. Tramite l’avvocato Masullo Lo Monaco ha scritto una nota nel quale si fa presente il mancato pagamento e richiede sei milioni di euro, ma il club etneo ha immediatamente risposto  alle presunte accuse in maniera secca “Abbiamo preso atto di quanto contenuto nella citazione, che riteniamo totalmente infondata”.

Il nuovo Papa argentino esalta la comunità albiceleste del Catania

La fresca nomina del Cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio a nuovo Papa ha portato gioia nello spogliatoio catanese ed attraverso il sito ufficiale del club etneo, l’estremo difensore Mariano Andujar, nativo di Buenos Aires proprio come Papa Francesco, ha voluto esprimere le proprie sensazioni: “Sono davvero emozionato, è un momento storico e ho accolto la notizia con un grande sorriso. Ho sentito quasi tutti i miei compagni e per noi argentini l’origine del nuovo Papa è certamente un motivo in più per gioire. Papa Francesco porta il Sud del mondo, le sue speranze e la sua energia in Vaticano: possa essere uno splendido percorso sulla retta via della fratellanza per tutti, proprio come è stato detto”.